immagine

lunedì 29 febbraio 2016

Abolizione della reperibilità in caso di malattie gravi per tutti i lavoratori. Tranne gli autonomi...

In caso di patologia il lavoratore che usufruisce di un'indennità di malattia domiciliare ha il dovere di rendersi reperibile per la visita fiscale dell'Inps in alcune fasce apposite (lavoratori pubblici 9-13 e 15-18; privati ed autonomi della GS 10-12 e 17-19). Se tali orari non vengono rispettati ed il lavoratore esce di casa e risulta assente dal domicilio comunicato all'inizio della malattia può incorrere a sanzioni e/o provvedimenti disciplinari se non giustifica mediante prove certe e documentabili il motivo della sua assenza durante tali orari. Tutto questo ha sempre creato notevoli problemi in caso di patologie gravi e malattie oncologiche tanto che, negli ultimi anni, ci sono state importanti modifiche legislative, segno di grande civiltà e buon senso. Naturalmente, non per i lavoratori autonomi, per i quali evidentemente l'art.38 della Costituzione, non vale.......

lunedì 15 febbraio 2016

Carta dei diritti universali del lavoro della CGIL: ma i lavoratori autonomi?

Ormai il mondo del lavoro autonomo è sotto i riflettori. Era ora ed è già un primo passo importante anche in funzione della tutela della malattia. Chiaramente se le partite iva non esistono, non possono neppure ammalarsi. Quindi ok, esistiamo e diciamo che siam contenti di tutto questo movimento compreso il recente Statuto dei lavoratori autonomi su cui il Parlamento inizierà a lavorare. Anche la CGIL sembrerebbe tutta mobilitata a ragionare sui diritti e le tutele dei lavoratori. Tutti, pure quelli autonomi visto che la Carta che hanno partorito è universale. Ma la parola universale è davvero grossa. Si fa presto a dire universale, poi vai a leggere e per i lavoratori autonomi cambia poco e niente, compresi i diritti in caso di malattia grave.....

giovedì 11 febbraio 2016

Cancro al seno e sessualizzazione: finalmente un pò di dibattito anche in Italia

Di questo tema Afrodite K ha già parlato in altre occasioni: la sessualizzazione del cancro al seno. All'estero il dibattito è un pò più frizzante. In Italia siamo ancora indietro ma recentemente qualcosa ha iniziato a muoversi ed Afrodite K invita donne ed uomini, malati e non a leggersi questi 2 ottimi articoli. Vi propongo quindi le riflessioni della chirurga senologa Alberta Ferrari pubblicate nel suo blog sul Fatto Quotidiano: Cancro al seno: la tetta vende. Ma solo se è per una "buona causa" e la traduzione di un articolo che L'Amazzone Furiosa ci ha gentilmente messo a disposizione: Oggettificazione sessuale. L'articolo propone un'approfondita analisi fatta dalla sociologa medica Gayle Sulik che si occupa da anni di salute delle donne.

venerdì 5 febbraio 2016

Roma - Camera dei Deputati: Afrodite K al Convegno "Lavoro e Cancro"

Afrodite K è stata a Roma il 3 febbraio 2016 presso la Camera dei Deputati con un intervento sulla situazione dei lavoratori autonomi colpiti da grave malattia. L'intervento avverrà nell'ambito del Convegno "Il lavoro per i malati di cancro" organizzato da FAVO e dall'On. Vincenzo D'Arienzo (PD) firmatario di una Proposta di Legge che intende disciplinare il periodo di comporto per i pazienti oncologici.