immagine

mercoledì 30 novembre 2016

Afrodite K ed il marketing del cancro al seno su Radio Radicale

Il 28 novembre 2016 su Radio Radicale, nel corso della rubrica "Fai Notizia", è stato trasmesso un servizio sul marketing del cancro. E` possibile riascoltare il servizio qui. Dura dieci minuti, ma è denso di informazioni utili sulla questione della strumentalizzazione di questa particolare malattia che Afrodite K spesso affronta in molti suoi post. Oltre ad Afrodite K, ci sono interviste a Grazia de Michele conosciuta come l'Amazzone Furiosa, Giuseppe Serravezza, oncologo e direttore scientifico della Lega Italia per la Lotta ai Tumori (LILT) di Lecce, Marianna Burlando, psicologa e presidente della LILT di Lecce e Chiara Bodini, ricercatrice presso il Centro Salute Internazionale dell'Università di Bologna.
Un grazie gigante a colei che ha realizzato il servizio: Stefania Prandi, fotografa e giornalista scrupolosa e attenta alle problematiche che riguardano le donne. Ha affrontato con coraggio e realismo un tema molto delicato come quello del cancro al seno che in genere viene costantemente banalizzato e "pinkizzato".

venerdì 25 novembre 2016

La violenza di genere del cancro al seno: non una di meno!

Matrioska di AltNovesette
Oggi è la Giornata Mondiale contro la Violenza alle Donne ed ovunque se ne parla.
Una delle caratteristiche della violenza è quella di avere innumerevoli facce, alcune molto visibili fatte di calci, pugni ed acidi, altre più insidiose, sottili, invisibili, addirittura socialmente accettate.
Beh.... anche l'esperienza del cancro al seno può rappresentare una violenza per moltissime donne. Io ne so qualcosa e, prendendo spunto dal bellissimo post di Grazia De Michele (amica e compagna di battaglie passate e future), vi racconto cos'è per me la violenza di genere del cancro al seno.....

mercoledì 23 novembre 2016

Afrodite K sostiene l'Associazione aBRCAdaBRA

Un'altra giovane donna se n'è andata, Fabiana Gregori, socia fondatrice e membro del Consiglio Direttivo di aBRCAdaBRA Onlus associazione che si propone di sostenere le persone portatrici di mutazione genetica BRCA1 e BRCA2, mutazioni che aumentano la predisposizione a sviluppare un cancro al seno e all'ovaio e sono responsabili della maggior parte dei tumori eredo-familiari.
Un'altra donna ancora che si somma alle 12.000 che ogni anno muoiono. Troppe, davvero troppe.....

lunedì 14 novembre 2016

In Europa nasce la task force legale per i diritti dei malati di cancro: una speranza per i lavoratori autonomi?

Arriva una bella notizia dall'European Cancer Patient Coalition (ECPC): la costituzione fresca fresca di una task force per tutelare i diritti dei malati di tumore. I malati di cancro in ciascun paese europeo hanno diritto ad eguali tutele e benefici giuridici ed economici per poter affrontare con forza e dignità la malattia e le innumerevoli ricadute socio-sanitarie causate anche dai trattamenti terapeutici antineoplastici. Le disparità di trattamento non sono accettabili ma, purtroppo, sono spesso una realtà che non può e non deve essere ignorata. Chissà, magari questa iniziativa porterà anche una maggiore attenzione e maggiori tutele a quei pazienti oncologici che sono partite iva e lavoratori autonomi.

martedì 8 novembre 2016

Afrodite K sostiene la battaglia per l'informazione ed il riconoscimento della vulvodinia

Afrodite K da tempo segue la battaglia portata avanti da VulvodiniaPuntoInfo Onlus per la sensibilizzazione, la corretta informazione ed il riconoscimento della vulvodinia come patologia invalidante. Nel mondo, ne soffre una donna su sette e in Italia ne sono colpite 4 milioni di donne. La vulvodinia è una sindrome caratterizzata da dolore pelvico cronico che colpisce i genitali esterni. La patologia vulvare provoca sintomi di bruciore e dolore vulvare e si manifesta con sensazione di punture di spillo, scosse elettriche e fitte. Per una donna colpita azioni semplici come camminare o indossare un paio di jeans diventa molto difficile; persino indossare gli slip può risultare insopportabile. La sfera del piacere sessuale e riproduttiva ne risultano fortemente compromesse.  Nonostante l’alta incidenza, la vulvodinia è una patologia sotto-diagnosticata, poiché sconosciuta a molti medici (il tempo medio per una diagnosi è di 4 anni!!). Se poi in tutto questo c'hai anche la fortuna di essere una lavoratrice autonoma, apriti cielo!
Cosa fare?
Firma la Petizione
Guarda il Video
Leggi e diffondi il materiale informativo
Partecipa alla giornata internazionale della vulvodinia (11 novembre)

sabato 5 novembre 2016

Il New York Times parla della ricostruzione del seno "piatta" dopo un tumore

Un grazie gigante a Melanie Testa (di cui ho già parlato in un post) per la segnalazione dell'interessante articolo "Going flat after breast cancer" apparso sul New York Times. Ve ne propongo la traduzione. In Italia su questi temi siamo davvero anni luce indietro e la presentazione alle donne di "tutte" le opzioni a loro disposizione dopo un tumore al seno è reale solo in teoria. Nella pratica effettiva vengono proposte solo le opzioni più plausibili (non si capisce però per chi) e completamente oscurate le altre tanto che se te ne viene in mente una diversa c'è pure il rischio che ti senti "strana e sopra le righe". Questo non deve assolutamente succedere! Qualsiasi opzione venga scelta deve essere prima conosciuta (non posso scegliere veramente ciò che non conosco o ciò che non è socialmente accettabile), in seconda battuta deve andare incontro ai bisogni percepiti dalla donna e non a quelli che gli altri (medici, altre donne, amici e familiari, società...) le attribuiscono o le proiettano addosso. Assolte queste due condizioni, ad ognuna la propria strada.....

venerdì 4 novembre 2016

Malattia delle partite iva: Senato approva lo Statuto dei lavoratori autonomi

Dopo quasi 3 anni, lentino ed adagino si procede verso una migliore tutela della malattia per i lavoratori autonomi. Il Senato ha approvato il 3 novembre il testo del Jobs Act dei lavoratori autonomi, il DDL 2233 che contiene “Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l'articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato”. Il testo contiene un'importante sezione dedicata alla MALATTIA nella quale sono state inserite alcune delle richieste previste dalla Petizione di Afrodite K "Diritti e tutele per i lavoratori autonomi che si ammalano", vediamo quali....

giovedì 29 settembre 2016

Ottobre Rosa 2016: il cancro al seno delle lavoratrici autonome non è di serie B

Puntuale come un orologio, anche per questo 2016, arriva il mitico Ottobre Rosa. Per tutto il mese saremo bombardati di fiocchini rosa, di malainformazione, testimonial Vip e raccolte fondi per la ricerca (che devono essere servite parecchio in questi anni visto che il cancro al seno è in continuo aumento!).
Afrodite K prosegue la sua battaglia e per questo mese accende un focus sul riconoscimento delle tutele alle lavoratrici autonome colpite dal cancro al seno (tutte però, non solo le professioniste della Gestione Separata!) Che si parli anche di questo perchè se non è la malattia a schiacciarti può farlo benissimo la preoccupazione ed il crepacuore per la mancanza di tutele sul lavoro e le difficoltà economiche per la sopravvivenza quotidiana. Supporta e fai conoscere la battaglia di Afrodite K indossando la MAGLIETTA con il suo messaggio.
PS Sinceramente trovo davvero inquietante che a parlare di questo (ed a rompere le scatole no-stop da quasi 3 anni) debba essere una semplice cittadina, pure paziente oncologica. Le associazioni femminili, le associazioni di categoria, le associazioni che cercano di tutelare le donne nella malattia cosa stanno facendo in proposito? Andateglielo a chiedere indossando la maglietta, vediamo che rispondono!

lunedì 5 settembre 2016

Non abbassiamo la guardia: coloriamo l'Italia con le magliette di Afrodite K

https://worthwearing.org/store/afrodite-k-la-voce-dei-lavoratori-autonomi-che-si-ammalano/per-i-diritti-delle-partite-iva-che-si-ammalano?utm_campaign=afrodite-K-store&utm_source=post-blog&utm_medium=immagine
Grazie alle azioni portate avanti da Afrodite K ed alla sua Petizione "Diritti e tutele per i lavoratori autonomi che si ammalano" (se non hai ancora firmato cosa aspetti ad aggiungerti agli oltre 100.000 aderenti?!), il tema della malattia delle partite iva ha cominciato ad essere preso seriamente  in considerazione tanto da affacciarsi in Parlamento. La strada da percorrere è però ancora mooolto lunga. L'iter parlamentare, tortuoso e lento: attendiamo la votazione in assemblea al Senato, poi ricomincia tutto daccapo alla Camera. La causa legale contro l'INPS finalizzata a portare la situazione degli autonomi ammalati alla Corte Costituzionale è ancora in corso.
Insomma, non possiamo abbassare la guardia. Non possiamo farlo proprio ora.

mercoledì 10 agosto 2016

Lavoratrice autonoma? Conti meno di una dipendente non solo nella malattia ma anche nella violenza di genere!

Care lavoratrici autonome, pensavate di essere discriminate rispetto alle dipendenti solo nella malattia? Siete lavoratrici di serie B pure se siete donne che hanno subito violenza di genere. Recentemente infatti, in riferimento alla versione dello Statuto dei lavoratori autonomi prodotto dalla Commissione Lavoro del Senato, sono stati dichiarati inammissibili 2 importanti emendamenti che, in caso di comprovata violenza di genere subita, avrebbero esteso le tutele già esistenti per le lavoratrici dipendenti anche alle professioniste della Gestione Separata.